BREAKING NEWS

Luoghi Invisibili Perugia 2019, il programma dell’ultimo weekend

Ultimi posti disponibili per gli itinerari delle Chiese Leonine. Tra le visite guidate con i padroni di casa anche Palazzo Graziani e Palazzo Murena, la Casa Massonica, Museo Archeologico e Galleria Nazionale dell’Umbria.
Gran finale in via Alessi, nel primo laboratorio della Perugina, con assaggi di prelibatezze di cioccolato.
Tutte le visite vanno prenotate al 370-3736974

Perugia, 03 ottobre 2019 – Ultimo weekend di Luoghi Invisibili 2019. Ultima occasione, per quest’anno, di conoscere da vicino, spesso con i “padroni di casa” in veste di ciceroni, chiese, spazi e palazzi storici che non sono neppure tanto invisibili, ma che non sono a tutti accessibili o non sono conosciuti per le ricchezze artistiche e culturali che racchiudono. Alla luce della grande partecipazione del primo fine settimana, si ricorda che per tutte le visite è necessaria la prenotazione al 370-3736974.

Venerdì 4 ottobre si inizia alle ore 10 con la visita della sede del Rettorato dell’Università degli studi di Perugia, lo splendido Palazzo Murena, che sarà illustrato da Monica Fiore, responsabile del Fondo Antico “Sala del Dottorato”. Alle ore 11 si continuerà con l’Arco Etrusco, raccontato dalla soprintendente Marica Mercalli. Alle 12 si tornerà nell’ex monastero di San Benedetto dei Condotti, oggi sede dell’Adisu, per la visita alla Chiesa e alla collezione di tastiere antiche. Alle ore 16 punto di ritrovo nel cuore del centro storico, in corso Vannucci, per andare alla scoperta di Palazzo Graziani, una delle testimonianze architettoniche di maggior pregio della città e sede della Fondazione Cassa di Risparmio Perugia, in compagnia del presidente Giampiero Bianconi. Alle 16,30 torna uno degli appuntamenti di Luoghi Invisibilipiù apprezzati nel tempo: la visita al cimitero monumentale di Perugia, prima manifestazione monumentale della Perugia dell’Italia unita, dove sono sepolti anche importanti personaggi risorgimental. E alle ore 17,30 visita eccezionale alla Galleria Nazionale dell’Umbria accompagnati dal direttore Marco Pierini.

Sabato 5 ottobre le prime visite sono alle ore 11 in corso Cavour: una alla scoperta del Museo Archeologico di San Domenico con la direttrice Luana Cenciaioli, e l’altra alla Casa Massonica con Luca Nicola Castiglione, presidente del Collegio Circoscrizionale Maestri Venerabili dell’Umbria. Alle 12 sarà la volta di Palazzo della Penna (via Podiani, nei pressidei Tre Archi) insieme all’assessore comunale alla cultura Leonardo Varasano. Nel pomeriggio alle ore 14,45 dal parcheggio dei pullman di Piazzale Umbria Jazz a Pian di Massiano partono i nuovi tour alla scoperta delle Chiese Leonine, le chiese costruite o ristrutturate per volere del vescovo di Perugia Vincenzo Gioacchino Pecci poi salito sul soglio pontificio con il nome di Papa Leone XIII. Due i percorsi previsti, l’itinerario “della Collina” (Perugia,San Fortunato della Collina, Sant’Enea, San Valentino della Collina, Compignano) e l’itinerario “della Via Cortonese” (Perugia, San Mariano, Chiugiana, Solomeo, Montemelino). Alle ore16 ancora una visita inedita presso la Ex-Chiesa delle Repentite, sede del Comando Legione Umbria Carabinieri, con il generale di Brigata Massimiliano Della Gala, comandante Legione Cc Umbria, in veste di guida. Alle 16,30 con Michele Bilancia si va alla scoperta del Muro etrusco e della Postierla presso il Parco della Cupa. E per finire, alle ore 21 alla Torre del Cassero di Porta Sant’Angelo concerto di Musica medievale e rinascimentale “Ensemble Compendium Musicum” con i maestri Daniele Bernardini e Giovanni Brugnami.

Domenica 6 ottobre si inizia alle ore 10,30 per una visita speciale con la storica Caterina Martino in via della Sposa, nell’antico borgo di Porta S. Susanna, e alle ore 11 appuntamento alla Torre del Cassero di Porta Sant’Angelo per la visita alla collezione di strumenti antichi. Luoghi Invisibili 2019 si chiuderà in via Alessi alle ore 17 con la visita al primo laboratorio della Peruginaaccompagnata da un assaggio di prelibatezze di cioccolato.A raccontare la storia del luogo in cui nacque il cioccolatino più famoso di tutti i tempi, il Bacio, sarà Luisa Spagnoli, pronipote dell’omonima grande imprenditrice che ha portato il nome di Perugia in tutto il mondo.